, , ,
 

 150 scienziati e scienziate italiani

Una linea del tempo, la cosiddetta timeline, e un archivio di immagini e di informazioni su 150 scienziati italiani che hanno animato la ricerca nel nostro paese da metà '700 ai giorni nostri. La pagina «150 scienziati d‘Italia» organizzata e pubblicata dal sito Scienza in rete propone varie modalità di navigazione per conoscere meglio il contributo che uomini e donne di scienza hanno dato al nostro paese.

L'archivio degli scienziati è navigabile sfogliando i ritratti, scorrendo la linea del tempo o cercando su una mappa che li propone come punti georeferenziati.

 
Ogni nome e ritratto è corredato da date e informazioni sulla vita e soprattutto sull’attività scientifica del ricercatore. Dal fisico Gian Domenico Romagnosi, nato nel 1761 e morto nel 1835 si arriva, passando per tutti i grandi nomi della scienza dell’800 e dei primi del ’900 a chi è nato verso la metà del XX secolo e ha contribuito in modo molto significativo allo sviluppo delle conoscenze scientifiche nel proprio campo. L'ultimo dell’elenco è infatti Giorgio Parisi, fisico, nato nel 1948 e ancora attivo presso l’Università di Roma La sapienza, pluripremiato e autore di più di 450 pubblicazioni scientifiche.
 
Su 150 nomi i curatori del sito hanno scelto di inserire solo tre scienziate: Maria Montessori, Massimilla Baldo Ceolin e Rita Levi Montalcini. Per sapere qual è stato il grande contributo delle ricercatrici e scienziate allo sviluppo della conoscenza nel nostro paese dal 1700 all’età contemporanea è possibile però consultare il sito «Scienza a due voci», primo esemplare di dizionario biografico delle scienziate italiane, curato da Raffaella Simili e Valeria Babini dell’Università di Bologna, storiche della scienza del Dipartimento di filosofia dell’Università di Bologna.

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.


I Campo contrassegnati da * (asterisco) sono obbligatori