, , ,

 Il punto sul meteorite russo: risorse da Media INAF

Lo scorso 15 febbraio è stato il giorno degli asteroidi: quello, atteso, che è passato sopra l'Indonesia e quello, imprevisto, che è esploso nei cieli della Siberia causando danni e ferimenti. Dell'argomento ne abbiamo parlato anche su Spazio CLIL, dove venivano suggerite risorse in lingua inglese tratte dal sito di ESA.

A poco meno di un mese di distanza dagli eventi russi e dal transito di 2012 DA 14 si può tracciare un piccolo bilancio di cosa sia successo, in particolare di che cosa abbia causato la pioggia di meteoriti sopra i cieli di Chelyabinsk. Ci vengono in aiuto una serie di risorse video in italiano che possono essere guardati in classe, e commentati, grazie alla LIM  e reperibili sul sito Media INAF e sul canale Youtube INAF Tv, i canali di comunicazione dell'Istituto Nazionale di Astrofisica.

Canali che, al di là degli eventi russi del mese di febbraio, sono sempre un'utile fonte per rimanere aggiornati sulle ultime notizie in campo astronomico e per trovare approfondimenti e risorse utilizzabili in classe.

Il primo video tratto da Media INAF è realizzato da Marco Malaspina ed è reperibile al seguente indirizzo
 
 
e propone una prima ricostruzione degli eventi che hanno colpito la Russia la mattina del 15 febbraio. Propone anche un intervento dell'astronomo dell'INAF-IASF Giovanni Valsecchi, il quale spiega come l'evento russo e l'asteroide 2012 DA 14 non siano in alcun modo legati.
 
Al seguente indirizzo, invece, è reperibile un articolo che parla di 2012 DA 14 ed è corredato di immagini animate. L'articolo è realizzato da Francesco D'Alessio:
 
 
Dal canale INAF TV è invece tratto il video visibile al seguente indirizzo
 
 
dal titolo "Anatomia di un bombardamento dal cielo", realizzato da Marco Malaspina. Il video, pubblicato lo scorso 26 febbraio, consente una più precisa ricostruzione degli eventi, e soprattutto propone un identikit dell'asteroide che ha causato la pioggia di meteoriti in Siberia.
 
Crediti immagine: "Trojan Colors Revealed", NASA/JPL-Caltech. Licenza immagini NASA reperibile qui).

Comments are closed.