, , ,
 
MyZanichelli - la tua chiave digitale. Registrati per accedere alle risorse online di Zanichelli Editore

 La fisica è difficile, come volevasi dimostrare

12 marzo 2012
 
Si racconta che il famoso scienziato Richard Feynman, premio Nobel per la Fisica nel 1965, avesse elaborato un potente algoritmo in grado di risolvere ogni problema.
Tre semplici passi costituivano la formula magica:
  1. Scrivi il problema.
  2. Rifletti profondamente.
  3. Scrivi la risposta.
Chiunque si sia scervellato su un problema di fisica o di matematica sa quanto sia difficile mettere in pratica questo semplice algoritmo. E adesso alcuni scienziati dicono di poterlo dimostrare: i problemi di fisica sono intrinsecamente complicati, e lo sono anche per i computer.
La notizia, pubblicata su Physical Review Letters, viene da un gruppo di ricercatori della Complutense University di Madrid. Essi hanno dimostrato che il più classico dei problemi di fisica – descrivere una manciata di dati sperimentali con un'equazione matematica – è matematicamente complesso e non semplificabile. Si tratta di uno di quei problemi (ce ne sono migliaia) che nemmeno un supercomputer riesce a risolvere in un tempo ragionevole, ovvero quello che in linguaggio tecnico si chiama un problema NP-hard (si veda anche qui).
Un famoso esempio è il problema del commesso viaggiatore, a cui è dedicato questo sito: dato un certo numero di città, determinare il percorso di minore lunghezza che un rappresentante di commercio deve seguire per passare da tutte le città una e una sola volta.
Comunque, nessun bisogno di scoraggiarsi: nonostante le difficoltà che gli scienziati possono incontrare per riassumere i dati sperimentali in una semplice formula matematica, ci sono equazioni in grado di descrivere perfettamente il mondo che ci circonda, come ci ricorda questo bell'articolo con video. Inoltre, gli scienziati hanno elaborato strumenti statistici (a questo o questo link si trovano valide risorse didattiche) che permettono di individuare, oltre le fluttuazioni dei dati, la legge fisica generale.
Per capire intuitivamente la differenza fra le fluttuazioni statistiche e il trend segnaliamo questo simpatico video.

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.


I Campo contrassegnati da * (asterisco) sono obbligatori