, , ,
 
MyZanichelli - la tua chiave digitale. Registrati per accedere alle risorse online di Zanichelli Editore

 Il niente sfida la fisica

Esiste il nulla? Una domanda quasi contraddittoria che ha causato non pochi grattacapi ai filosofi di ogni tempo, passando per i logici, i matematici e gli scienziati. Senza contare le diverse risposte date dai diversi ambiti del sapere, ci concentriamo sulla fisica, la cui "risposta" alla pressante domanda è ben riassunta in una animazione del New Scientist. L'animazione fa parte della "collana" One-Minute Physics, gemella di One-Minute Math di cui parliamo anche in Idee per la LIM.

 

 

Il video spiega perchè, fisicamente, la nozione di vuoto sia fortemente critica. Se prendessimo tutto l'universo e togliessimo ogni entità, cosa resterebbe? Rimarrebbe davvero il nulla? Il video ripercorre la storia della scienza, citando ad esempio l'ipotesi dell'etere, una sostanza impercettibile permeante tutto l'universo: ipotesi che annoverava, fra i suoi sostenitori, Isaac Newton e James C. Maxwell, per i quali l'etere aiutava a spiegare, rispettivamente, il moto dei pianeti nello spazio e la propagazione della luce. Ma l'ipotesi-etere andò incontro a smentita. Esiste quindi il vuoto? La meccanica quantistica pone seri dubbi su questo…

Il video coniuga brillantemente diverse discipline (filosofia, storia della scienza, fisica classica e fisica quantistica), introducendo lo studente gradualmente a concetti complessi protagonisti dei dibattiti più moderni in campo scientifico. 

Ecco qui di seguito il link al video pubblicato sul sito del New Scientist:

http://www.newscientist.com/video/1291011593001-what-is-nothing.html


Crediti Immagine: Kolbenluftpumpe hg.jpg, Hannes Grobe, Wikimedia Commons. Licenza Creative Commons.

Lascia un Commento

Se vuoi, facci sapere cosa ne pensi. Il tuo commento verrà letto dal moderatore del blog, che deciderà se pubblicarlo. Vogliamo che queste pagine siano piacevoli da leggere, ordinate e informative, e dunque pubblicheremo solo i commenti che contribuiscano in modo costruttivo alla discussione, con idee e critiche nuove e originali, senza ripetere argomentazioni e preoccupazioni che hanno già trovato voce in commenti precedenti. Prima di scrivere, è una buona idee leggere i nostri consigli di netiquette: seguirli rende più probabile che il tuo commento sia pubblicato.


I Campo contrassegnati da * (asterisco) sono obbligatori