Un pesce d’aprile artistico

Sapete cos’è un pesce d’aprile? No, non si tratta di una varietà particolare da mangiare in questo mese ma di uno scherzo che si fa per tradizione il primo giorno di aprile.
Non è chiaro cosa c’entri il pesce con gli scherzi e con il primo di aprile, ma per noi è una bella occasione per realizzarne uno. Non lo scherzo, ma un bel pesce artistico!

Prima di metterci all’opera, però, proviamo a fare una passeggiata nel tempo per scoprire come sono stati rappresentati i pesci in tutta la storia dell’arte. Iniziamo dagli Egizi. I pesci più antichi sono realizzati con sottili lastre di pietra ed erano usati come tavolette per preparare i cosmetici. La loro forma è molto semplificata ma richiama comunque quella di un pesce vero: la Tilapia del Nilo.

pesce egizio

I pesci sono presenti anche nei dipinti parietali delle tombe egizie. In questo caso i dettagli sono maggiori e si possono distinguere tante specie diverse.

pesce egizio

I pesci sono particolarmente abbondanti nell’arte di quelle civiltà sorte lungo le coste o sulle isole, ad esempio i Cretesi. Nel palazzo di Knosso, ma anche sui vasi di ceramica, sono spesso raffigurati pesci che nuotano in mare tra alghe e delfini.

pesce minoico

I Greci amavano talmente il pesce (soprattutto da mangiare!) che avevano inventato un piatto apposito. Decorato con tre o quattro pesci ricchi di dettagli ed eseguiti con la tecnica a figure rosse, ha una piccola conca al centro per contenere l’olio o la salsa con cui condire il pesce.

pesce greco

Nei mosaici romani i pesci sono rappresentati con grande maestria. Si possono distinguere decine di specie diverse grazie ai dettagli delle squame e delle pinne. Un lavoro da veri artisti ma anche da grandi osservatori della natura.

pesce romano

E quando i Romani inventarono il vetro soffiato non persero l’occasione per realizzare anche dei delicatissimi pesci-bottiglia.

pesce romano

Con l’avvento del Cristianesimo il pesce riappare sulle tombe  in forme molto schematiche perché non rappresenta più un animale vero ma è il simbolo di Cristo in quanto il nome del pesce scritto in greco (e cioè ICHTYS) corrisponde alle iniziali della frase “Gesù Cristo figlio di Dio Salvatore”.

pesce paleocristiano

Nel Medioevo il pesce viene raffigurato nel Bestiario, un tipo di codice miniato che raccoglie le immagini degli animali più stravaganti come quelli che abbiamo visto nel bestiario di Aberdeen.
I pesci, in questo caso, hanno un curioso volto umano e le loro forme si somigliano tutte.

pesce medievale

Con l’arrivo del Rinascimento il pesce scompare quasi del tutto. L’interesse è concentrato sulla figura umana, sacra o mitologica. Qualche pesce si può trovare nei dipinti dell’Ultima Cena come cibo per gli apostoli o come offerta a Maria, come in questo quadro di Raffaello.

pesce di Raffaello

Il pesce torna protagonista dell’arte a partire dal Seicento con la diffusione della natura morta. Per oltre due secoli i pittori si sono esibiti nella realizzazione di opere di incredibile realismo. Sembra quasi di sentirne il profumino…

pesci nell'arte moderna

Nel Novecento la tradizione si interrompe. Solo negli ultimi decenni il pesce è tornato alla ribalta, ma in forme completamente nuove: grandi sculture e installazioni.

big fish a Belfast

Nelle forme più recenti è spesso realizzato con materiali di scarto quasi a volerci dire che qualsiasi cosa, anche quella che consideriamo spazzatura, può continuare a generare bellezza.

pesce fatto di scarti

Adesso tocca a te. Prova anche tu a creare un pesce con materiali di scarto. Guardati intorno e seleziona tutti quegli oggetti destinati a finire nella pattumiera.
Ad esempio i tappi di plastica…

pesce con tappi

… oppure i gusci delle mandorle.

pesce di gusci

Naturalmente puoi anche mischiare i materiali tra loro e poi incollarli su un cartoncino per poter conservare il tuo lavoro.
Non mi resta che augurarti buon pesce d’aprile!

 

6 Risposte

  1. Loredana ha detto:

    Molto interessante…. soprattutto l’aspetto legato al riciclo dei materiali…

  2. Adriana Catalano ha detto:

    Bellissimo. Grazie

  3. Paola spagnolo ha detto:

    Bellissimi, come sempre, i tuoi lavori

  4. Leandro ha detto:

    Belli tutti da quello egizio a quello con i materiali di scarto, bello, davvero. Quello con i tappi lo voglio provar a fare!

  5. Alessandro ha detto:

    bellissimo, non credevo che esistevano tutti questi pesci artistici e soprattutto statue.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *